Geo-blocking addio: via libera agli acquisti

Geo-blocking addio: via libera agli acquisti

10 mesifa 0 465

Ottime news dal Parlamento Europeo che ha votato e approvato la fine del geoblocking per la fine del 2018.

Il geo-blocking è una forma digitale di protezionismo che limita l’accesso ad alcuni contenuti internet in base alla posizione geografica dell’utente, riconoscibile tramite il suo indirizzo IP, ossia il corrispondente digitale del nostro indirizzo di casa.

La rimozione dei blocchi geografici per gli acquisti online offrirà a tutti i cittadini europei la possibilità di acquistare all’interno di tutti i negozi online dell’Unione Europea, indipendentemente da dove si trovino.

Dal punto di vista degli utenti finalmente si eviteranno alcuni fastidiosi re-indirizzamenti che, per esempio, obbligano un italiano, che decide di comprare da un sito spagnolo, di essere reindirizzato, al momento di perfezionare l’acquisto,  verso la versione italiana dell’eShop in cui il prodotto desiderato potrebbe non essere disponibile oppure in vendita a condizioni differenti. Questo redirect è uno dei molti modi in cui si applica il geoblocking, impedendo ai consumatori di poter comprare i loro beni e servizi dove vogliono all’interno dell’Unione Europea.

Dal punto di vista delle imprese, questa nuova tendenza sottolinea ancor di più, qualora ce ne fosse bisogno, la grande opportunità che offre l’enorme mercato dell’e-commerce: un’opportunità cruciale per chi la sa cogliere, in grado sviluppare, talvolta in modo determinante, il fatturato di un’azienda, che sia in grado di porsi nel modo corretto.

I dati del 2017 e le proiezioni per il 2018 ci raccontano come i paesi asiatici, sopratutto la Cina, stiano sviluppando un’enorme crescita (in alcune proiezioni si parla di un raddoppio nel 2019!), al contrario del più tradizionale mercato USA che, dopo aver guidato l’e-commerce globale, sta raggiungendo il suo punto di saturazione.

Insomma anche se la rimozione del geo-blocking riguarda solo la vecchia e cara Europa, si profila una nuova occasione capace di far recuperare al nostro paese quel gap nell’e-commerce che ci separa dal resto d’Europa, un’opportunità da saper cogliere!

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*